Pollo yassa alla senegalese

Pollo yassa alla senegalese

Costo: Alto – Difficoltà: Media/Bassa – Cottura: 60 min – Preparazione: 30 min

Ricetta per la preparazione del pollo yassa alla senegalese

Per preparare questa gustosissima pietanza sarà anzitutto necessario preparare la marinatura. Quindi prendiamo una ciotolina e aggiungiamo il peperoncino, la senape, l’alloro, il succo di limone e infine pepate e salate.

Mescolate gli ingredienti e aggiungete i pezzi di pollo dopo averli lavati con gran cura e asciugati con carta da cucina.

Lasciate marinare il pollo per non meno di 12 ore (ma 24/28 ore sarebbe l’ideale).

Quando il pollo avrà terminato la marinatura scolatelo (ma conservate la marinatura perchè la useremo successivamente) e sistematelo sulla teglia da forno preventivamente foderata con fogli di carta stagnola.

Infornate per circa 25/30 minuti.

Preparate le cipolle tagliandole a fettine e spellate gli spicchi d’aglio. Fate rosolare sia le cipolle che l’aglio in un padella. Appena le cipolle saranno pronte aggiungete il pollo con tutto il liquido presente all’interno della teglia, aggiungete anche il liquido della marinatura che avevate tenuto da parte e infine il brodo (Se lo desiderate potete anche aggiungere olive verdi denocciolate che offriranno ulteriore sapore a questa già gustosa pietanza).

Fate cuocere il tutto per altri 30 minuti rimescolando di tanto in tanto.

Il pollo alla yassa andrebbe servito come portata unica accompagnato da una piccola porzione di riso basmati (ottimo per accompagnare carne e pesce) bianco cotto al vapore ( ma potete lessarlo anche normalmente se non possedete l’apposita attrezzatura per la cottura a vapore).

Ingredienti per il pollo yassa alla Senegalese per 5 persone:

  • Pollo: circa 1,5 kg
  • Aglio: 3 o 4 spicchi
  • Alloro: 2 foglie
  • Brodo: 1 bicchiere
  • Limoni: succo di 1 limone
  • Pepe: q.b.
  • Sale: q.b.
  • Peperoncino tritato: 1 cucchiaino raso
  • Olio di oliva: 4 cucchiai
  • Senape: 1 cucchiaio
  • Cipolle bianche: 7

Post Author: Ristoranti d'Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *