Pasqua e pasquetta, la sorpresa in Castello di aspetta

Pasqua e pasquetta, la sorpresa in Castello di aspetta

Le Magiche Uova del Drago Bianco, gli enigmi del Coniglio Pasquale, la merenda con il Bianconiglio. Mostra del giocattolo antico. Esposizione dei burattini storici tra i più famosi d’Italia di Patrizio Dall’Argine, spazio-bimbi ludico dove creare decorazioni pasquali o fare acconciature da principesse, laboratori creativi d’arte su tele in cui dipingere sogni e desideri. E ancora antiche collezioni, affreschi ritrovati, giardini aperti al pubblico in via straordinaria. www.castellidelducato.it

Alla ricerca delle uova colorate nel magico regno dei Castelli del Ducato con il Drago Bianco ed il Cavaliere senza paura, con il simpatico Coniglio Pasquale ed il Bianconiglio, con buffi cuochi o giovani scudieri: se per i bambini la classica caccia all’uovo è davvero divertente tra giardini, sale arredate di antichi manieri o con un pizzico di sorpresa in torri misteriose, per gli adulti le vacanze di Pasqua e Pasquetta sono l’occasione di condividere giornate in pieno relax, in coppia, con la famiglia o gli amici. Vi aspettano, dunque, gite fuori porta in mezzo alla natura, escursioni e percorsi d’arte e cultura per grandi e piccini, pranzi con degustazioni di prodotti unici, riscoprendo il piacere di passeggiare in piccoli borghi medievali, ricchi di storia, lontano dalle grandi città. Mettete, dunque, dentro al vostro grande Uovo di Pasqua dei Sogni un bel Castello: la sorpresa sarà assicurata!

Per famiglie con bambini. Moltissime le novita e parecchie prime edizioni. Per chi ha figli ed ama le saghe fantasy è originalissima la speciale caccia al magico Uovo del Drago Bianco al Castello di Gropparello (Pc), mentre al Castello di Rivalta (Pc) vi attende la Caccia all’uovo per bimbi – dove troverete anche la mostra del gioco antico ed una Ghost Hunting Night, speciale vista guidata in notturna che vi permetterà di visitare i luoghi più significativi e carichi di energia mistica del castello, attraverso spettacolari saloni e stretti camminamenti, illuminati dalla tenue luce delle candele. La caccia al tesoro diventa una vera e propria misteriosa corsa all’uovo alla Rocca di Agazzano (Pc) tra indizi ed indovinelli, mentre una grande avventura vi aspetta nella suggestiva cornice del Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino (Pr), dove i bambini, tutti in costume, andranno alla ricerca delle uova magiche con il Coniglio Pasquale e altri simpatici personaggi; con l’apertura straordinaria del grande giardino, allestito per l’occasione per il pic-nic con i prodotti del territorio, a chilometro zero. Sempre per i più piccoli apre le porte il Piccolo Museo Vivente con gli incredibili burattini e le straordinarie creature in stoffa, legno e cartapesta dell’artista Patrizio Dall’Argine tra i più apprezzati in Italia al Castello Pallavicino di Varano de’ Melegari (Pr) sulle prime colline dell’Appennino parmense dove saranno percorribili i camminamenti di ronda.

Al Castello di San Pietro in Cerro (Pc) bambini e bambine tutti pittori per un giorno, dopo la visita ai segreti del maniero – tra cui l’accesso alla prigione della torre e alle antiche cucine – con un divertente laboratorio creativo dove imparerete a dipingere sogni e desideri sulla tela. Spazio alla creatività anche alla Rocca Sanvitale di Fontanellato (Pr) dove vanno di moda le acconciature da principessa e le spade da cavalieri: non mancheranno le decorazioni pasquali e l’apparizione del Bianconiglio con dolcetti per tutti.

Per adulti. Per gli appassionati d’arte ed antiche collezioni l’offerta è ampia: per la prima volta si potranno ammirare i meravigliosi affreschi – solitamente non visibili al pubblico – di Villa Anguissola Scotti Gonzaga prospiciente la Rocca di Agazzano (Pc) di proprietà dei Principi Gonzaga che ancora la abitano. Al Castello di San Pietro in Cerro (Pc) da non perdere la collezione d’arte moderna e contemporanea del MiM – Museum in Motion e l’installazione dei Guerrieri di Xi’an nella roccaforte. Pagine di storia dinastica si sfogliano al Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino (Pr), dove la mostra “Ricordi di famiglia” propone racconti di vita quotidiana e testimonianze storiche attraverso una straordinaria esposizione di preziosi oggetti, antichi documenti e fotografie d’epoca della famiglia Pallavicino. I cultori della storia e gli appassionati di botanica potranno visitare il Giardino Farnesiano nella Rocca Sanvitale di Sala Baganza (Pr) accompagnati da un misterioso personaggio in costume d’epoca che narrerà aneddoti e curiosità dei secoli passati. Non mancano le classiche visite guidate a fortezze e manieri. Attorno alla Rocca Sanvitale di Fontanellato (Pr) si snoda all’aperto il grande mercatino dell’antiquariato su circa seimila metri quadrati di superficie espositiva con oltre 220 banchi, una sezione dedicata al modernariato ed una nuova ribattezzata “Il mercatino dell’incanto”.

Un motivo in più per visitare tutti i Castelli del Ducato. Meritano la visita tutti i 23 Castelli del Ducato che nelle festività pasquali garantiscono aperture straordinarie: la Fortezza di Bardi ospita il Museo della Civiltà Valligiana ed il nuovo Museo della Fauna e del Bracconaggio; alla Reggia di Colorno c’è l’Osservatorio Astronomico; al Castello di Compiano da visitare la collezione “Orizzonti Massonici”; al Castello di Montechiarugolo vi narreranno la leggenda della Fata Bema. Le più antiche cantine d’Italia sono all’Antica Corte Pallavicina di Polesine mentre il Museo della Distilleria è al Castello di Roccabianca. Aperta parzialmente la Rocca dei Rossi di San Secondo, mentre interamente visibili sono i cicli pittorici di Nicolò dell’Abate, Cesare Baglione ed i Fratelli Galli Bibiena alla Rocca Meli Lupi di Soragna. Straordinaria è la Camera d’Oro al Castello di Torrechiara. Si va sulle tracce di San Colombano a Bobbio dove sono visitabili l’Abbazia ed il Castello Malaspina Dal Verme di Bobbio, mentre si sale sul mastio alla Rocca Viscontea di Castell’Arquato, nel Borgo fortificato di Vigoleno, alla Rocca d’Olgisio. Straordinario è l’archivio documentaristico che si dipana lungo le sale arredate del Castello di Sarmato. Festa della primavera e della natura in fiore al Castello di Paderna con l’orto giardino e la fattoria didattica.

Post Author: Ristoranti d'Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *