Maccheroni alla chitarra

Maccheroni alla chitarra

Per 4 PERSONE

Esecuzione MEDIA; Preparazione 1h e 30 min.;  Cottura 1h e 40 min.; Vino: Trebbiano D’Abruzzo

INGREDIENTI

200 g di farina 00; 200 g di farina di grano duro; 4 uova grandi; sale.

Per il sugo

600 g di pomodori rossi da sugo; 1 cipolla; 1 ciuffo di prezzemolo; olio; sale; pepe.

Per le pallottine

200 g di carne di vitello tritata; 200 g di petto di pollo tritato; 50 g di grana padano grattugiato; 1 tuorlo; noce moscata; olio; sale; pepe

PROCEDIMENTO

Fate la pasta: mescolate le farine, disponetele a fontana, sgusciatevi le uova, salatele, lavorate il tutto fino ad avere un composto liscio e compatto. Avvolgetelo con la pellicola, dopo 30 minuti tirate la pasta a sfoglia non troppo sottile, ritagliatela a strisce di 15×30 centimetri. Una per volta adagiatele sulle corde della chitarra, sopra premete con il matterello in modo che i fili taglino la sfoglia.

Preparate il sugo: in una casseruola scaldate cinque cucchiai d’olio, insaporitevi la cipolla tritata e, quando è trasparente, aggiungete i pomodori spellati, privati dei semi e spezzettati, prezzemolo, sale, pepe e cuocete per un’ora o fino a quando il sugo è diventato denso. Nel frattempo preparate le pallottine: in una ciotola amalgamate le carni tritate con il tuorlo, il parmigiano, un pizzico di noce moscata, uno di sale e uno di pepe. Prendendo un po’ di composto alla volta formate delle palline di uno-due centimetri. Friggetele per alcuni minuti in olio caldo, ritiratele, asciugatele su carta assorbente, unitele al sugo e cuocete 5 minuti. Lessate i maccheroncini, sgocciolateli, conditeli con il sugo e serviteli a tavola.

PER SAPERNE DI PIÙ

La chitarra è costituita da un telaio di legno rettangolare oppure da un telaio con due facce contrapposte, su cui sono fissati dei fili metallici, distanziati 2-3 millimetri per i maccheroni. Nel caso di telaio doppio, dalla parte opposta i fili sono fissati a distanza di 4-6 millimetri per le fettuccine. Deciso la pasta che si vuol fare, si sceglie il telaio con i fili interessati, sulla loro superficie si adagia la sfoglia che, premuta dal mattarello contro la griglia, viene “tagliata”.

Post Author: Ristoranti d'Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *